Tortine dolci di borragine: andar per prati e portaseli a casa

Vai alla ricetta

Muretti a secco liguri _ asmallkitcheningenoa

Amo le erbe di campo. Ma amo forse ancor di più andare a raccoglierle. A primavera nei prati, lungo i muretti a secco, ai bordi dei sentieri sterrati dove loro amano crescere.

Camminare in mezzo alla natura, la nostra prima vera casa. Il profumo pungente della terra scaldata dal sole, il ronzio frenetico delle api, il vento che smuove le foglie degli alberi, lo scricchiolio delle scarpe che calpestano quello che resta del coriaceo inverno.

Lo sguardo che vaga in libertà, in tutte le direzioni, finalmente libero dallo stretto perimetro di uno smartphone.

erbe spontanee_borragini_asmallkitcheningenoa

E poi raccogliere. Un gesto ancestrale, segnato nella noªstra memoria genetica da tempo immemore.

Inginocchiarsi, genuflettersi a capo chino in segno di rispetto e gratitudine, e prendere direttamente con la mano quello che la terra protende.

In quell’attimo in cui la mano afferra la foglia turgida e fresca, giusto prima di strapparla, in quell’esatta frazione di secondo uomo e natura sono la stessa cosa e l’anima grata ricorda l’antico patto per la sopravvivenza stipulato con la terra.

Raccogliere e poi portare a casa e cucinare. Immediatamente. L’odore pungente di clorofilla che si sprigiona aprendo il sacchetto e che si amplifica quando le erbe sono messe a bagno. Quel profumo che con la cottura si trasforma, cambia forma, e diventa il gusto intenso di una mattina passata nei prati.

La mia passeggiata tra le fasce e i muretti a secco a strapiombo sul mare,  in una soleggiata domenica in Riviera, ha fruttato un cesto pieno di borragini e i loro bellissimi fiori color indaco. Raccogliendo mi è  venuta in mente questa poesia:

A casa, poi,  per una volta, ho voluto fare qualcosa di diverso con queste erbe di campo, basta pasta fresca, frittate, torte di verdura e polpette. Ho voluto osare un po’, fidarmi del mio istinto e preparare a memoria una curiosa ricetta che ricordavo di aver letto in vecchio libro di cucina di mia nonna dedicato esclusivamente all’utilizzo delle erbe selvatiche in cucina, anche nella preparazione di dolci! Una ricetta che mi ha ricordava una torta assaggiata a Lucca tanto tempo fa. Tortine dolci di borragine.

Tortine dolci di borragine, pasta frolla, ricotta, borragini. Ideale per un pic nic di Pasquetta

Il risultato è stato sorprendente e per questo mi sento di poterla condividere. Sono perfette da portare fuori casa e servire fredde (magari per il pic-nic di Pasquetta?) ma sono ottime anche tiepide. In ogni caso Vi garantisco che il sapore – complice anche l’illusione di aver davanti agli occhi una tortina che sembra salata – senz’altro vi stupirà. E, poi , a ogni morso sarà come fare un passo in un campo soleggiato.

tortine dolci di borragini_ asmallkitcheningenoa



 

Se volete conoscere meglio le erbe spontanee che si possono mettere nel piatto, Vi consiglio il libro “Erbe spontanee commestibili” di Riccardo Luciano e Carlo Gatti comprato ieri da Feltrinelli. Decisamente ben fatto. Ad ogni erba sono dedicate due pagine con foto a colori belle e chiare e le informazioni più essenziali i tra cui, fondamentale, l’uso in cucina.

Poiché sono un’acquirente compulsiva di libri, soprattutto quando ho un “tema” in testa che voglio approfondire (crescendo mi rendo conto che leggo sempre più saggi e manuali, sarà un inconscia nostalgia della scuola?), ieri ho comprato anche “Storie segrete delle erbe, proprietà e curiosità di 150 specie” di Kim Hurst. Un libro senza foto ma con bellissimi dettagliati disegni a colori (tipo erbario antico, vedi qui accanto) e moltissime curiosità, storie e leggende legate ad alcune delle erbe più famose. Insomma due libri che si completano a vicenda.

Vi è venuta voglia di imparare a riconoscere e raccogliere le erbe spontanee direttamente sul campo? Allora vi segnalo l’interessante iniziativa (a cui parteciperò anch’io)  “Andar per preboggion: sui prati a (ri)conoscere le erbe spontanee” che si volgerà il 6 maggio 2017 ed organizzata dall’associazione di Papilleclandestine.

E già che parliamo  di preboggion, se non sapete di cosa di tratti o volete approfondire, vi rimando al mio post “Di cosa parliamo quando parliamo di prebuggiun“.

 

crostata di erbe di campo, con borragini e ricotta_asmallkitcheningenoa

Ciao! I’m Enrica

a home cook, food researcher and experience curator born and bred in Liguria.
I study, tell, cook, share and teach Ligurian cuisine and the culture surrounding it.
Here we celebrate Liguria’s gastronomic diversity and richness through its recipes, producers, traditions and shops.

Discover my cookbook

Book an on-line
cooking class

Join my cooking
course on-demand

You may also like

Brandacujun: dove l’olio è protagonista

Brandacujun: dove l’olio è protagonista

Il Brandacujun è una ricetta tipica della riviera ligure di Ponente. È un piatto di terra e di mare, a base di patate e stoccafisso, dove l’olio extravergine d’oliva è un ingrediente protagonista. Nella cucina italiana generalmente l’olio extravergine d’oliva è...

leggi tutto
Focaccette al formaggio di Megli

Focaccette al formaggio di Megli

Hai mai sentito parlare delle focaccette di Megli? Per noi genovesi, le focaccette al formaggio rappresentano la meta golosa di una gita fuoriporta, tra ulivi e limoni, a picco sul mare. Sono tipiche del piccolo paesino di Megli – una manciata di case strette attorno...

leggi tutto
Pesce al forno alla ligure

Pesce al forno alla ligure

Quante ricette di pesce al forno alla ligure esistono? Migliaia, decine di migliaia, centinaia di migliaia, tante quante sono le volte in cui un pesce pescato in Liguria è stato cucinato nel forno. Non posso dire che la ricetta che condivido qui oggi sia la ricetta...

leggi tutto

Join me on my food journeys