La torta di carciofi genovese e ogni fatica è ricompensata

Vai alla ricetta


Cosa fate quando una gigantesca cassa di freschissimi, profumati e spinosi carciofi di Albenga (generoso regalo del  contadino di fiducia) campeggia beffarda sul tavolo della vostra cucina? La guardate, provate ad ignorarla, la guardate di nuovo e poi vi rassegnate. E’ così. Vi armate di  coltello, di una conca d’acqua,  di un paio di limoni da spremerci dentro, di tanta – santa –  pazienza e  iniziate a pulire, pulire, pulire e ancora pulire carciofi.

Poi – se nel frattempo non si è già fatta sera –  con le mani doloranti per i graffi e la punta delle dita annerita dalla clorofilla, finalmente, preparate la torta di carciofi genovese, una delle torte primaverili più buone che ci siano e meritata ricompensa per il duro lavoro svolto!

Torta Pasqualina di carciofi genovese
Torta Pasqualina di carciofi genovese

Qui sotto trovate la ricetta tradizionale, riportata nei più antichi ricettari genovesi e in cui mi sono cimentata io dopo un pomeriggio intero passato a pelar carciofi, prima però mi va di raccontarvi…

Un po’ di storia della cucina genovese

Dovete sapere che Genova e la Liguria sono famose per le  torte di verdura, di origine effettivamente antichissima. Infatti, già agli inizi del medioevo Genova, potente Repubblica marinara, era abitata da ricchissimi mercanti, banchieri, assicuratori, brokers che potevano permettersi lussi concreti e consumi molto raffinati. La cucina andava ovviamente di pari passo, per cui sulle tavole dei patrizi-mercanti venivano serviti piatti via via sempre più sofisticati in cui la materia prima (che a Genova, dove i magazzini portuali straripavano di merci, non mancava mai) era lavorata, modificata e abilmente combinata.

Mentre nel centro Europa e nelle campagne dominate dai castelli si era ancora fermi alla carne abbrustolita come ostentazione del lusso in tavola, i Genovesi affinavano le arti della pasta, del ripieno, delle salse, delle spezie e  delle erbe aromatiche. I cuochi dei patrizi-mercanti, in particolare, imparano a preparare piatti dosando in modo sapiente i diversi ingredienti a loro disposizione, come formaggio fresco (che veniva dalla Sardegna e dalla Corsica), verdure (che provenivano dagli orti delle valli vicine), erbe, spezie (provenienti dai traffici con l’oriente) e  semi oleosi (pinoli, mandorle, noci: tecnica appresa in Oriente e sul Mar Nero). Non carne, però. Quella scarseggiava non avendo Genova alle spalle pascoli sufficientemente ampi dove allevare bestiame.

Inoltre, da un lato il clima non troppo freddo che non richiedeva un alto apporto di grassi, calorie e proteine animali e dall’altro l’attività del mercante e del benestante che non implicava sforzi fisici particolari,  hanno col tempo permesso che si sviluppasse a Genova una dieta molto leggera, principalmente a base di pasta e verdura, sofisticata e di altissima qualità. Insomma, l’antesignana dell’ormai famosa “dieta mediterranea”.

E in questo contesto nascono e si sviluppano le torte di verdura, dei gusci formati da vari strati di croccante e sottilissima pasta sfoglia che racchiudono verdure di stagione (bietole, erbe di campo – il famoso prebuggiun – zucca, carciofi), formaggio fresco, uova, erbe aromatiche e spezie.

La torta di carciofi genovese, in particolare, è un piatto molto pregiato che veniva servito a Pasqua sulle tavole genovesi più ricchi. Attenzione, non è la rinomata e popolare “torta pasqualina“, che la tradizione vuole confezionata rigorosamente con le bietole, ma una sua versione diciamo più elitaria. Sì perché i carciofi, e in particolare quelli coltivati nella piana di Albenga – che il famoso gastronomo francese Parmantier a metà del 1700 chiamava “zucchero genovese” – erano una una leccornia che solo pochi abbienti potevano permettersi.

Torta Pasqualina di carciofi genovese

Qualche indicazione pratica per preparare la torta di carciofi genovese

Il formaggio fresco per eccellenza nella torte genovesi è la  prescinsêua, una cagliata tipica delle valli dell’entroterra genovese ottenuta mediante un processo di acidificazione del latte. A Genova questo tipo di formaggio è facilmente reperibile anche nei supermercati (grazie anche ad un rinnovato amore per la cucina tradizionale).  Fuori dal capoluogo è invece più difficile da trovare. Comunque può essere serenamente sostituito con la ricotta, come del resto  facevano anche  le massaie genovesi. Anzi, la ricotta in passato era un formaggio ancor più pregiato della prescinsêua e usata nel ripieno nobilitava nobilitava ancor più la torta. In questo caso però è bene non aggiungere la farina prevista nella ricetta.

Se invece desiderate mantenere la nota acidula della nostra cagliata tipica, alla ricotta suggerisco di aggiungere della panna acida oppure dello yogurt intero (i puristi della cucina genovese me ne vorranno per questo suggerimento, pazienza).

Mi raccomando la sottigliezza delle sfoglie! Per avere una pasta bella elastica è importante lavorarla molto bene all’inizio e poi lasciarla riposare a lungo in modo che le fibre si  distendano. Infarinate molto bene il piano di lavoro quando stendete la pasta e aggiungete abbondanti dosi di farina per non farla attaccare. Ma soprattutto divertitevi a tirarla il più possibile senza fare buchi! (suggerisco di preparare qualche pallina in più di scorta…).

Altra cosa divertente delle torte di verdure fatte con la pasta sfoglia tirata a mano è quella di soffiare sotto ogni sfoglia per ottenere una bella cupola. Provateci! Quando adagiate una sfoglia sulla teglia, prima di sigillarla intorno al bordo lasciate un piccolo buco e da questo soffiate sotto la pasta, vedrete come si gonfierà! Poi in cottura la pasta di creperà e forse si sgretolerà. Non so se è proprio così che deve venire, ma a me piace moltissimo perché si vedono i vari strati di sfoglia, ha un aspetto decisamente casalingo e quelle croccanti schegge di pasta che si staccano sono deliziose.

E adesso non mi resta che augurarvi  buon lavoro!

Torta Pasqualina di carciofi genovese
Torta Pasqualina di carciofi genovese
La ricetta tradizionale della torta di carciofi  genovese


Ecco un breve step-by-step di come l’ho preparata io.

Torta Pasqualina di carciofi genovese
Torta Pasqualina di carciofi genovese
Torta Pasqualina di carciofi genovese
Torta Pasqualina di carciofi genovese
Torta Pasqualina di carciofi genovese
Torta Pasqualina di carciofi genovese
Torta Pasqualina di carciofi genovese
Torta Pasqualina di carciofi genovese
Torta Pasqualina di carciofi genovese
Torta Pasqualina di carciofi genovese
Torta Pasqualina di carciofi genovese

Torta Pasqualina genovese di carciofi
Torta Pasqualina genovese di carciofi
Torta Pasqualina genovese di carciofi
Torta Pasqualina genovese di carciofi
Torta Pasqualina genovese di carciofi

Torta Pasqualina genovese di carciofi
Torta Pasqualina genovese di carciofi
Torta Pasqualina genovese di carciofi

SHARING IS CARING!

Se questa ricetta ti è piaciuta condividila con i tuoi amici!

Ciao! I’m Enrica

a home cook, food researcher and experience curator born and bred in Liguria.
I study, tell, cook, share and teach Ligurian cuisine and the culture surrounding it.
Here we celebrate Liguria’s gastronomic diversity and richness through its recipes, producers, traditions and shops.

Discover my cookbook

Book an on-line
cooking class

Join my cooking
course on-demand

You may also like

Frittata di carciofi alla genovese: febbraio.

Frittata di carciofi alla genovese: febbraio.

Febbraio è il mese in cui qui in Liguria compaiono i primi carciofi sui banchi del mercato. I più ambiti, i più buoni, sono i carciofi di Albenga, meglio conosciuti come carciofi violetti spinosi di Albenga. La loro peculiarità? Le foglie. Acquerellate di verde scuro...

leggi tutto
Farinata di zucca

Farinata di zucca

Se in Liguria parli di farinata, tutti pensano alla farinata genovese ,  la pastella di acqua e farina di ceci cotta nel forno a legna dentro grandi teglie di rame. Tutti, tranne gli abitanti di Sestri Ponente,  un antico grande quartiere di Genova...

leggi tutto
Zembi d’arzillo, i ravioli di pesce Liguri

Zembi d’arzillo, i ravioli di pesce Liguri

Gli zembi d’arzillo sono grossi ravioli di pesce tondi o quadrati caratteristici di tutta la costa ligure. Il nome curioso di questo piatto, “zembi”, deriverebbe dal termine “zembil”, che in arabo indica i canestri di foglie attorcigliate usati un tempo...

leggi tutto

Join me on my food journeys