Il coniglio alla ligure, dal cortile alla tavola.

Vai alla ricetta

Non c’è trattoria dell’entroterra ligure che non offra a menù il “coniglio alla ligure” e non c’è famiglia che non abbia una ricetta della nonna nel cassetto.

In effetti il coniglio è una delle icone della cucina ligure tradizionale, nata come spesso accade dalla necessità.

Il territorio ligure naturalmente non si presta all’allevamento intensivo di bovini per cui in Liguria la carne rossa è sempre stata una lusso per pochi o per chi viveva in città e poteva beneficiare degli approvvigionamenti dalle regioni vicine (soprattutto il Piemonte).

La carne consumata (molto poca rispetto ad altre regioni italiane) era quindi principalmente bianca e veniva dai cortili: pollame e conigli, soprattutto, e qualche agnello. Ogni tanto un maiale, allevato con dedizione e poi macellato in autunno per fare insaccati che durassero tutto l’anno.

Ogni valle della Liguria ha la sua ricetta del coniglio stufato ma tutte, a dire il vero, si assomigliano negli ingredienti principali, oltre al coniglio ovviamente: pinoli, olive taggiasche, erbe aromatiche, olio extravergine d’oliva e vino.

Sul vino che accompagna, condisce ed esalta il piatto ci sono due grandi correnti: quelli che lo cucinano con il vino bianco e quelli che lo preparano con il vino rosso.

Nel Ponente Ligure, dove questo piatto è davvero diffuso, si prepara con il vino rosso Rossese di Dolceacqua all’estremo Ponente, Ormeasco in Alta Valle Arroscia e nella zona di Albenga.

Nel resto della Liguria è più comune vederlo preparato con il vino bianco, magari Pigato o Vermentino. Da noi in famiglia si prepara così e questa è la ricetta che vi propongo.

La tradizione vorrebbe, poi, che il coniglio fosse cucinato in una casseruola di coccio solo a lui dedicata (io ho usato una padella normale, chiedo venia).

ligurian braised rabbit _ coniglio alla ligure

Come avrai visto nella ricetta suggerisco di preparare un veloce brodo di coniglio per bagnare la carne in cottura.

È un consiglio davvero interessante che ho imparato dallo chef stellato e orgogliosamente ligure Giuse Ricchebuono, che del coniglio alla ligure rivisitato ne ha fatto la sua bandiera.

Potete andare ad assaggiare la sua cucina nel meraviglioso ristorante Vescovado a Noli mentre per conoscerlo un po’ meglio potete ascoltare la diretta Instagram di Liguria Golosa su Noli e Savona dove l’ho intervistato e abbiamo parlato della sua Liguria e della sua cucina ligure.

Coniglio alla Ligure

Se vuoi restare in contatto con me, conoscere in anticipo le mie nuove ricette o le date dei prossimi corsi di cucina, iscritivi alla mia Newsletter!

Ciao! I’m Enrica

a home cook, food researcher and experience curator bred and born in Liguria.
I study, tell, cook, share and teach Ligurian cuisine and the culture surrounding it.
Here we celebrate Liguria’s gastronomic diversity and richness through its recipes, producers, traditions and shops.

My Book

Travel design

You may also like

Frittata di carciofi alla genovese: febbraio.

Frittata di carciofi alla genovese: febbraio.

Febbraio è il mese in cui qui in Liguria compaiono i primi carciofi sui banchi del mercato. I più ambiti, i più buoni, sono i carciofi di Albenga, meglio conosciuti come carciofi violetti spinosi di Albenga. La loro peculiarità? Le foglie. Acquerellate di verde scuro...

leggi tutto
Farinata di zucca

Farinata di zucca

Se in Liguria parli di farinata, tutti pensano alla farinata genovese ,  la pastella di acqua e farina di ceci cotta nel forno a legna dentro grandi teglie di rame. Tutti, tranne gli abitanti di Sestri Ponente,  un antico grande quartiere di Genova...

leggi tutto
Zembi d’arzillo, i ravioli di pesce Liguri

Zembi d’arzillo, i ravioli di pesce Liguri

Gli zembi d’arzillo sono grossi ravioli di pesce tondi o quadrati caratteristici di tutta la costa ligure. Il nome curioso di questo piatto, “zembi”, deriverebbe dal termine “zembil”, che in arabo indica i canestri di foglie attorcigliate usati un tempo...

leggi tutto

Join me on my food journeys